Sanguigna, linfatica, biliosa, nervosa: di che morfologia sei?

Nei centri estetici più quotati non è raro sentir parlare di “morfologie”. Durante i famosi check-up preliminari che ogni professionista del benessere propone alle nuove clienti, uno dei fattori analizzati con più attenzione è proprio la morfologia individuale della persona, ovvero la tipologia corporea di
appartenenza.

Le quattro morfologie di cui sentiamo parlare (sanguigna, linfatica, biliosa e nervosa) sono state individuate ben duemila anni fa proprio dal padre della medicina: Ippocrate.

Attraverso analisi approfondite, lo studioso aveva diviso i suoi pazienti in quattro categorie a seconda del carattere, della predisposizione a determinati malesseri e della conformazione fisica.

Scopriamo insieme le caratteristiche delle quattro morfologie:

– Morfologia Sanguigna
La persona Sanguigna è caratterizzata da forme robuste e da un colorito roseo. Al tatto la sua pelle è calda, quasi umida, e osservando il suo viso si può notare una forma ovale/esagonale e labbra carnose. Un altro dettaglio che può saltare agli occhi sono le spalle, solitamente larghe e spesso leggermente cadenti.
Le donne sanguigne si riconoscono anche per il seno prosperoso, il bacino largo e le gambe morbide.
Il punto debole della donna sanguigna è solitamente il circolo venoso e linfatico. Una problematica comune è il ristagno dei liquidi, così come sono frequenti i fastidi digestivi. Cellulite e smagliature sono disagi familiari per chi appartiene a questa morfologia, e i trattamenti più indicati sono solitamente
massaggi che favoriscano la circolazione, la fangoterapia e percorsi specifici per contrastare la pesantezza degli arti inferiori.

– Morfologia Linfatica
La persona Linfatica è corpulenta o presenta fattezze tondeggianti. Si distingue per il chiarore della pelle e per il viso rotondo, solitamente dotato di labbra pallide e leggermente cadenti. Le sue spalle sono strette e curve, e al tatto la pelle appare fredda e umida. La donna Linfatica ha solitamente torace e vita larghi, gambe voluminose e seni ben sviluppati, leggermente cadenti.
Le problematiche principali di questa morfologia sono legate alla mancanza di tono tissutale e alla ritenzione delle tossine: gambe gonfie, glutei e seni poco sodi, pelle infiltrata con intossinazione. Per questo motivo i trattamenti più richiesti sono massaggi circolatori, trattamenti rassodanti e pressoterapia.

– Morfologia Biliosa
La persona Biliosa ha una struttura armoniosa e un colorito giallo/olivastro. Il viso, tendenzialmente squadrato o rettangolare, presenta labbra sottili dal taglio largo. Al tatto la pelle è calda e può apparire grassa o secca a seconda dei casi. Le spalle sono larghe, mentre vita e bacino piuttosto stretti. Il seno è
piccolo e ben modellato.
La donna Biliosa si caratterizza per i problemi della pelle, che può essere secca per effetto della vasocostrizione o grassa per azione ormonale indiretta e intossinazione con eccesso di sebo. Considerato che soffre facilmente di acne, pori dilatati o macchie, i suoi trattamenti “amici” sono la pulizia profonda
del viso o trattamenti come peeling, massaggio connettivale o fangoterapia.

– Morfologia Nervosa
La persona Nervosa si distingue per la corporatura magra o longilinea, con spalle, vita e bacino stretti. Nel caso delle donne, il seno appare poco sviluppato. La pelle, gialla o pallida, si accompagna a una forma del viso triangolare e a labbra sottili dal taglio stretto. Al tatto, la pelle è fredda e tendenzialmente secca.
Il cruccio principale della donna Nervosa è la pelle, che è spesso arida e soggetta a invecchiamento precoce e smagliature, ma anche l’insorgenza di cellulite. Per questi motivi i suoi servizi ideali sono trattamenti di idratazione profonda, magari ad azione ossigenante o abbinati a massaggi circolatori e
connettivali.

Le quattro morfologie individuate da Ippocrate rappresentano altrettante tipologie in cui può essere facile riconoscersi, ma non è raro che una donna appartenga a due diverse categorie, presentando un insieme di
caratteristiche “miste”.

Come conoscere la propria morfologia?
Individuare la tipologia corporea alla quale apparteniamo è una risorsa utilissima per prenderci cura del nostro corpo nel migliore dei modi. La persona più indicata per accompagnarci in questo piccolo viaggio
di scoperta è sempre la nostra estetista di fiducia, che con un’analisi professionale e competente potrà rivelarci con certezza che Morfologia (o Morfologie!) rappresentiamo.