Sanguigna, linfatica, biliosa, nervosa: di che morfologia sei?

Nei centri estetici più quotati non è raro sentir parlare di “morfologie”. Durante i famosi check-up preliminari che ogni professionista del benessere propone alle nuove clienti, uno dei fattori analizzati con più attenzione è proprio la morfologia individuale della persona, ovvero la tipologia corporea di
appartenenza.

Le quattro morfologie di cui sentiamo parlare (sanguigna, linfatica, biliosa e nervosa) sono state individuate ben duemila anni fa proprio dal padre della medicina: Ippocrate.

Attraverso analisi approfondite, lo studioso aveva diviso i suoi pazienti in quattro categorie a seconda del carattere, della predisposizione a determinati malesseri e della conformazione fisica.

Scopriamo insieme le caratteristiche delle quattro morfologie:

– Morfologia Sanguigna
La persona Sanguigna è caratterizzata da forme robuste e da un colorito roseo. Al tatto la sua pelle è calda, quasi umida, e osservando il suo viso si può notare una forma ovale/esagonale e labbra carnose. Un altro dettaglio che può saltare agli occhi sono le spalle, solitamente larghe e spesso leggermente cadenti.
Le donne sanguigne si riconoscono anche per il seno prosperoso, il bacino largo e le gambe morbide.
Il punto debole della donna sanguigna è solitamente il circolo venoso e linfatico. Una problematica comune è il ristagno dei liquidi, così come sono frequenti i fastidi digestivi. Cellulite e smagliature sono disagi familiari per chi appartiene a questa morfologia, e i trattamenti più indicati sono solitamente
massaggi che favoriscano la circolazione, la fangoterapia e percorsi specifici per contrastare la pesantezza degli arti inferiori.

– Morfologia Linfatica
La persona Linfatica è corpulenta o presenta fattezze tondeggianti. Si distingue per il chiarore della pelle e per il viso rotondo, solitamente dotato di labbra pallide e leggermente cadenti. Le sue spalle sono strette e curve, e al tatto la pelle appare fredda e umida. La donna Linfatica ha solitamente torace e vita larghi, gambe voluminose e seni ben sviluppati, leggermente cadenti.
Le problematiche principali di questa morfologia sono legate alla mancanza di tono tissutale e alla ritenzione delle tossine: gambe gonfie, glutei e seni poco sodi, pelle infiltrata con intossinazione. Per questo motivo i trattamenti più richiesti sono massaggi circolatori, trattamenti rassodanti e pressoterapia.

– Morfologia Biliosa
La persona Biliosa ha una struttura armoniosa e un colorito giallo/olivastro. Il viso, tendenzialmente squadrato o rettangolare, presenta labbra sottili dal taglio largo. Al tatto la pelle è calda e può apparire grassa o secca a seconda dei casi. Le spalle sono larghe, mentre vita e bacino piuttosto stretti. Il seno è
piccolo e ben modellato.
La donna Biliosa si caratterizza per i problemi della pelle, che può essere secca per effetto della vasocostrizione o grassa per azione ormonale indiretta e intossinazione con eccesso di sebo. Considerato che soffre facilmente di acne, pori dilatati o macchie, i suoi trattamenti “amici” sono la pulizia profonda
del viso o trattamenti come peeling, massaggio connettivale o fangoterapia.

– Morfologia Nervosa
La persona Nervosa si distingue per la corporatura magra o longilinea, con spalle, vita e bacino stretti. Nel caso delle donne, il seno appare poco sviluppato. La pelle, gialla o pallida, si accompagna a una forma del viso triangolare e a labbra sottili dal taglio stretto. Al tatto, la pelle è fredda e tendenzialmente secca.
Il cruccio principale della donna Nervosa è la pelle, che è spesso arida e soggetta a invecchiamento precoce e smagliature, ma anche l’insorgenza di cellulite. Per questi motivi i suoi servizi ideali sono trattamenti di idratazione profonda, magari ad azione ossigenante o abbinati a massaggi circolatori e
connettivali.

Le quattro morfologie individuate da Ippocrate rappresentano altrettante tipologie in cui può essere facile riconoscersi, ma non è raro che una donna appartenga a due diverse categorie, presentando un insieme di
caratteristiche “miste”.

Come conoscere la propria morfologia?
Individuare la tipologia corporea alla quale apparteniamo è una risorsa utilissima per prenderci cura del nostro corpo nel migliore dei modi. La persona più indicata per accompagnarci in questo piccolo viaggio
di scoperta è sempre la nostra estetista di fiducia, che con un’analisi professionale e competente potrà rivelarci con certezza che Morfologia (o Morfologie!) rappresentiamo.

Scrub e abbronzatura: il tuo alleato per una tintarella perfetta

   Arriva l’estate, scoppia la voglia di abbronzarsi e qualcuno inizia già a rinunciare a scrub e gommage per paura di portar via il primo colorito conquistato faticosamente… ed ecco il mito da sfatare!

Sapevi che invece l’esfoliazione è un’alleata preziosa per un’abbronzatura luminosa e duratura?

Scopriamo perché.

Concedersi un bello scrub è un modo perfetto per eliminare le cellule morte e le impurità che ogni giorno accumuliamo sul nostro corpo. Oltre a facilitare il naturale processo di rinnovamento della pelle, questo semplice rituale ci aiuta ad ottenere una pelle più liscia e uniforme – la chiave di un’abbronzatura omogenea e resistente.

In più, l’eliminazione delle cellule morte e la “scoperta”
dello strato di pelle sottostante stimola la produzione di melanina e quindi aumenta la nostra reattività ai raggi solari.

Il momento migliore per impostare una routine di skin care che preveda scrub regolari e accurati è l’inizio dell’estate, prima di partire per le vacanze o di concedersi le prime uscite in spiaggia.

A seconda degli ingredienti che compongono il prodotto scelto per il trattamento, poi, all’azione esfoliante potranno unirsi altri utilissimi benefici, come la disintossicazione profonda dei tessuti o la riattivazione del metabolismo cellulare.

I primi appuntamenti con il sole, però, richiedono anche altre accortezze.
Eliminare le cellule morte, infatti, non si limita soltanto a farci abbronzare meglio: rimuovendo lo strato più superficiale della nostra pelle, infatti, la rendiamo più indifesa nei confronti dei raggi UV.
Per mettersi al riparo dalla pericolosità dei raggi ultravioletti, per fortuna, basta proteggersi prima di ogni esposizione solare (senza eccezioni!) utilizzando una crema protettiva adatta al nostro fototipo.

I passaggi per ottenere una tintarella da sogno sono tre, tutti semplici ma indispensabili se si vogliono raggiungere risultati appaganti senza rinunciare alla salute e al benessere della nostra pelle:

1. Esfoliare con regolarità
A casa o al centro estetico, sottoporsi a una buona routine di scrub è un’ottima idea per ottenere una pelle al massimo della ricettività. Attenzione, però, ai prodotti: mentre l’estetista professionista è in grado di individuare in autonomia il prodotto più indicato per la tua pelle e le tue esigenze, dedicandoti al fai da te corri il rischio di compiere scelte non ideali. Se preferisci goderti lo scrub nel comfort della tua vasca da bagno o sotto la doccia, un’ottima soluzione è acquistare i prodotti più adatti a te
facendoti consigliare dalla tua estetista di fiducia.

2. Applicare la giusta crema solare
La crema solare deve essere nuova (…bandite le confezioni aperte e dimenticate in borsa qualche estate fa!), di qualità e del giusto livello protettivo. Solo così possiamo avere la certezza, a patto di applicarla correttamente, di evitare fastidiose scottature o conseguenze ancora più preoccupanti. Per scegliere la crema più indicata non dimenticare di tenere conto del tuo fototipo personale, l’indicatore migliore per scoprire la reazione della tua pelle alle radiazioni ultraviolette e capire qual è la protezione più idonea a tutelarla.

3. Idratare, idratare… idratare!
La secchezza è nemica giurata dell’abbronzatura: una pelle secca è una pelle che si squama, che “colleziona” più facilmente cellule morte e che non reagisce come dovrebbe all’esposizione al sole.
Per ottenere (e mantenere) una tintarella da sogno devi accertarti di essere sempre idratata. Come?
Per esempio assicurandoti di bere abbastanza e utilizzando prodotti specifici, sopratutto dopo l’esposizione al sole.

Un detto comune recita che “il sole bacia i belli”… quindi non facciamoci trovare impreparate!
Contatta la tua estetista di fiducia ed elabora con lei un piano d’azione mirato e rilassante: arriverai in spiaggia con una pelle fresca e luminosa, pronta ad assorbire tutto il buono del sole estivo.
Buona abbronzatura!